« Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti.»

(Il primo articolo della Dichiarazione universale dei diritti umani. 10 dicembre 1948)

www.dolcepiemonte.com

martedì 16 ottobre 2012

I SOLDI DEI POLITICI


Questa sera ascoltavo la trasmissione di Radio24 "Focus Economia". Il conduttore Stefano Barisoni ha denunciato un fatto che secondo me è veramente sconvolgente, alcuni consiglieri della Regione Lombardia prendono dei rimborsi di viaggio che sono più alti dello stipendio di un maestro.

I consiglieri che abitano fuori Milano hanno diritto ad un'indennità per le spese di viaggio sostenute. Fino a qui niente di strano ma il problema sta nella misura di questa indennità. Barisoni ha fatto l'esempio di un consigliere di Viadana (Mantova) che in UN ANNO (1 ANNO!) ha percepito un'indennità di 28.000 euro!! Avete letto bene 28.000 euro in un anno cioè 2.300 euro al mese! Per fare 147 km con un relativo costo carburante di 25 euro (dati Google Maps).
Mentre il governo taglia deduzioni e detrazioni per le spese dei portatori di handicap.

La cosa triste è che gli stessi politici sbandierano grandi tagli alla loro spesa ma poi si scopre che allo stesso consigliere l'indennità è stata tagliata di circa 2.000 euro all'anno. NEANCHE IL 10%.

Ora, io ho già scritto in questo blog, verapolitica.blogspot.it, che le rivoluzioni hanno sempre conseguenze anche molto dolorose, ma la situazione che si sta delineando negli ultimi giorni è davvero drammatica. Mentre i politici sembrano vivere in una realtà parallela:
 Governatori inquisiti e con una decina di assessori sotto inchiesta che non riescono a trovare una ragione per dimettersi.
 Consiglieri regionali che usano quotidianamente fondi pubblici (tanti, troppi) destinati all'attività politica.

Mentre alcuni politici come Livia Turco ripetono come un mantra che non sono tutti uguali, anche se le dimissioni (reali e scritte) nella giunta lombarda le ha presentate solo un certo Sola dell'Italia dei Valori che, oggi, nell'ultimo giorno utile ha deciso di dimettersi per rinunciare al vitalizio di cui da domani Minetti, il Trota & Co. avranno diritto al raggiungimento del sessantesimo anno di età.
Un contributo di 1.300 euro al mese, che considerando una prospettiva di 85 anni di vita vuol dire 390.000 euro per ogni consigliere.

Cara Onorevole Turco qui non si tratta di denunciare "buoni" o "cattivi" qui si tratta di mettere in atto azioni concrete, SUBITO per evitare i forconi, che per loro natura non distinguono tra politici onesti e disonesti ma passano sopra a tutti.

Per ritrovare la Vera Politica bisogna prima azzerare l'attuale politica. Non ci sono alternative!

Nessun commento: